Negli ultimi anni il consumo di energia mondiale si è intensificato notevolmente, rendendo così inderogabile la questione dell'esaurimento delle risorse di origine fossile e delle emissioni inquinanti. Il problema viene affrontato sia in termini di energia alternativa (come l'energia solare, eolica o idroelettrica), ma anche in termini di efficienza energetica

L'efficienza energetica è, per definizione il rapporto tra i risultati in termini di rendimento, servizi, merci o energia e l'immissione di energia. Vediamo come si misura.

Come si valuta l'efficienza energetica?

In seguito ad azioni di efficientamento energetico, come un rinnovamento tecnologico o una modifica della struttura interna, la misurazione del risparmio energetico ed economico deriva dal confronto tra i consumi stimati prima e a seguito dell'intervento effettuato. Per quanto possa sembrare semplice, l'operazione da fare per misurare l'efficienza energetica non è solo una sottrazione. Le variabili in gioco sono tante e dipendono da vari fattori.

L'equazione da applicare è quella del processo di Misura e Verifica (M&V):

Il processo Misura e Verifica utilizza le misurazioni per determinare in modo affidabile il risparmio effettivo generato all'interno di una impianto/struttura a seguito di Azioni di Miglioramento dell'Efficienza Energetica (AMEE)

Misura e Verifica: quali sono i fattori da tenere in considerazione

È importante confrontare l'efficienza energetica tenendo conto dei fattori che influenzano i consumi, al di là degli interventi di ammodernamento. Solo dopo aver eliminato tutte le variabili è possibile fare un confronto e riuscire ad individuare il risparmio reale.

I fattori da tenere in considerazione possono essere:

  • Differenza dei gradi giorno/notte tra i due periodi.
  • Differente quantità di persone che hanno presenziato nel luogo: gli ospiti in una casa o, nel caso di industrie o attività, l'aumento o la diminuzione del personale nei periodi di riferimento oppure il numero di posti letto occupati, nel caso di un ospedale o di una struttura alberghiera.
  • Aumento/calo della produzione industriale.
  • Ampliamento o cambiamento della destinazione d’uso dell’edificio.

Come si misura l'efficienza energetica nelle case

Per valutare l'efficienza energetica nelle proprie case è necessario calcolare il consumo effettivo dei propri elettrodomestici, di luce e di gas. Ciò è possibile attraverso vari strumenti, anche tecnologicamente avanzati. I più comuni sono il Wattmetro e lo Smart meter.

Il Wattmetro permette di tenere sotto controllo il sistema dell'elettricità in casa. Riesce ad identificare gli elettrodomestici che consumano maggiormente nei momenti di attività e anche quando sono in stand-by.

Lo Smart meter, o “lettore intelligente”, riesce a monitorare e risolvere problematiche legate a un eccessivo utilizzo della luce e degli elettrodomestici che consumano di più.

È possibile, grazie a questi strumenti e alla misurazione dell'efficienza energetica, riuscire a tenere sotto controllo i costi e a fare un favore all'ambiente, evitando gli sprechi.

 

Ultime uscite

Efficienza energetica

Come si misura l’efficienza energetica?

L'efficienza energetica è, per definizione, il rapporto tra i risultati in termini di rendimento, servizi, merci o energia e l'immissione di energia. Vediamo come si misura.

11.10.2021
News

Il Progetto Smart Port al Circular Economy Forum di Taranto

Presentato il Progetto Smart Port di Gruppo Free e Luxmaster all'evento Re-Think Circular Economy Forum di Taranto il 29 settembre 2021

30.09.2021
News

FREE ENERGIA PARTNER DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE DELLA FISARMONICA

XVII edizione del Festival Internazionale della Fisarmonica di San Vincenzo la Costa.

13.08.2021
© Copyright 2021 Free Energia, Via della Conciliazione 44 00193 - ROMA
contenuto